Convocazione Assemblea Ordinaria 2021

Di seguito la lettera destinata ai Soci in cui troverete il comunicato di convocazione dell’Assemblea Ordinaria dei Soci 2021 prevista […]

Convocazione Assemblea Ordinaria e Straordinaria 2021

Di seguito la lettera destinata ai Soci in cui troverete il comunicato di convocazione dell’Assemblea Ordinaria e Straordinaria 2021 prevista […]

Reintroduzione del Temolo in Val di Non

Il 6 febbraio 2021 rappresenta per la nostra associazione una data importante. 63 temoli di taglia variabile, dai 10 ai […]

Trota Marmorata

Trota Marmorata

Grandi la testa e la bocca con il corpo slanciato, la Trota Marmorata ha dorso e fianchi decorati da tratti curvilinei di colore grigio. Predilige i corsi di maggior portata con buche profonde e rifugi-tana di facile reperibilità. E’ oggi al centro di progetti di ripopolamento promossi con linee genetiche autoctone.

Trota Lacustre

Trota Lacustre

Adattamento all'ambiente di lago della Trota Fario, la Trota Lacustre ha una livrea argentata con piccole macchie nere a forma di “X” ed una silhouette slanciata con pinna caudale leggermente forcuta.

Trota Iridea

Trota Iridea

Punteggiatura a macchie, piccole e nere, su tutto il corpo sono il tratto distintivo della Trota Iridea, originaria del nord America. La fascia rosa-rosso che corre lungo il ventre fuga ogni dubbio sulla sua identificazione.

Trota Fario

Trota Fario

Piccole macchie di forma rotonda nere e rosse su piccole scaglie e corpo slanciato: ecco la Trota Fario. Questa è la specie più diffusa in Trentino, specie nei ruscelli dove spesso è anche l’unica abitante.

Tinca

Tinca

Dall’aspetto tozzo la Tinca predilige le acque stagnanti o a scorrimento lento con fondo torbido o fangoso. Verde il dorso e giallastro il ventre.

Temolo

Temolo

Pinna dorsale molto sviluppata sia in lunghezza che in altezza, di colore grigio, cosparsa di piccole macchie nere, con sfumature rossastre e violacee particolarmente evidenti nei maschi durante il periodo riproduttivo.

Scardola

Scardola

La Scardola ben si adatta alle acque a scorrimento lento o stagnanti dove si insedia a branchi cercando fondi fangosi.

Persico Reale

Persico Reale

Le particolari striature biforcate di colore scuro che attraversano il corpo dal ventre al dorso sembrano disegnare una corona. Questo rende riconoscibile il Persico Reale insieme alla gobba.

Luccio

Luccio

Denti aguzzi e bocca molto grande di forma allungata: è il Luccio, con la testa pronunciata di dimensioni considerevoli. Il Luccio è un grande predatore che conduce agguati restando nascosto immobile per poi compiere attacchi repentini.

Coregone o Lavarello

Coregone o Lavarello

Le scaglie argentee con capo e bocca decisamente piccoli sono i tratti distintivi del Coregone o Lavarello. Vive in acque fredde e si sposta in branchi.

Cavedano

Cavedano

Il Cavedano, dal caratteristico colore grigio-dorato, ha testa di dimensioni considerevoli con pupille grandi e argentate. Tende a formare branchi, anche con pesci di altre specie.

Carpa

Carpa

I barbigli della parte superiore della bocca distinguono subito la Carpa dal Carassio. Questo pesce può raggiungere dimensioni ragguardevoli (35 kg) con livree differenti.

Carassio

Carassio

Il Carassio è piuttosto simile alla Carpa. Ha una pinna dorsale molto pronunciata che spesso raggiunge le dimensioni doppie rispetto a quella caudale.

Anguilla

Anguilla

L’Anguilla ha una forma caratteristica impossibile da confondere: la sagoma serpentiforme infatti la rende immediatamente riconoscibile.

Alborella

Alborella

L’Alborella, slanciata con la bocca all’insù, ha grandi occhi postati sulla testa di piccole dimensioni. I caratteristici riflessi metallici si notano sia sul dorso bruno-verde che sul resto del corpo.