Oltre 3.5 km di fiume Noce sotto diga; una cosiddetta tail water, in cui si susseguono spot ed ambientazioni molto vari. Si passa da veloci correntine a spianate con acqua più lenta, profonde buche si susseguono a raschi, zone con fondale roccioso lasciano spazio a lunghi tratti ghiaiosi intervallati da erbai. Dopo un primo tratto sotto diga che scorre in un canyon, l’ambientazione è più quella del fiume di fondovalle. Ampie zone riparie con vegetazione molto rigogliosa e sponde rialzate si alternano a tratti ghiaiosi. Zona dedicata alle esche artificiali dove negli ultimi anni si sono effettuate catture di taglia molto interessante e recentemente anche di temolo, frutto di recenti ripopolamenti. Si accede alla zona nella parte bassa dal ponte di Moncovo, sotto il paese di Denno, oppure circa al centro del tratto prendendo come riferimento la zona Iscle di Taio.

Su Google Maps segnaliamo i principali accessi con il pesciolino blu.